MELE E PERE

REGOLAMENTO (CEE) N. 920/89 DELLA COMMISSIONE

del 10 aprile 1989

che stabilisce le norme di qualità per le mele e le pere

G.U. CEE N - L 97 del 11/04/1989 (pag. 30)

e modifiche apportate con

G.U. CEE N - 44 del 20/02/1990 Reg. 421/90

G.U. CEE N - 52 del 28/02/1990 Reg. 487/90

G.U. CE N - 215 del 9/08/2001 Reg. 1619/01

Modificato dal Reg. (CE) 46/2003 del 10 gennaio 2003 - G.U. 7 del 11/01/03 (pag. 61)

Norma di qualità per mele e pere

I. DEFINIZIONE DEL PRODOTTO

La presente norma si applica alle mele e alle pere delle varietà (cultivar) derivate dal Malus domestica Borkh e dal Pyrus communis L. destinate ad essere fornite allo stato fresco al consumatore, escluse le mele e le pere destinate alla trasformazione industriale.

II. DISPOSIZIONI RELATIVE ALLA QUALITÀ

La norma ha lo scopo di definire le caratteristiche qualitative che le mele e le pere devono presentare dopo condizionamento e imballaggio.

A. Caratteristiche minime

In tutte le categorie, tenuto conto delle disposizioni specifiche previste per ogni categoria e delle tolleranze ammesse, le mele e le pere devono essere:

‑ intere,

‑ sane; sono esclusi i prodotti affetti da marciume o che presentino alterazioni tali da renderli inadatti al consumo,

‑ pulite, praticamente prive di sostanze estranee visibili,

‑ praticamente prive di parassiti,

‑ praticamente esenti da attacchi parassitari,

‑ prive di umidità esterna anormale,

‑ prive di odore e/o sapore estranei.

Inoltre, esse devono essere state raccolte con cura.

Lo sviluppo e il grado di maturazione delle mele e delle pere devono essere tali da consentire alla frutta:

di proseguire il processo di maturazione in modo tale da raggiungere il grado di maturità appropriato in funzione delle caratteristiche varietali ([1]);

‑ di sopportare il trasporto e le operazioni connesse;

‑ di arrivare in condizioni soddisfacenti al luogo di destinazione.

B. Classificazione

Le mele e le pere sono classificate nelle tre categorie seguenti:

i) Categoria "Extra"

Le mele e le pere di questa categoria devono essere di qualità superiore. Esse devono avere la forma, lo sviluppo e la colorazione tipici della varietà ([2]) e conservare intatto il peduncolo.

La polpa deve essere priva di qualsiasi deterioramento.

Esse non devono presentare difetti, ad eccezione di lievissime alterazioni della buccia che non pregiudichino l'aspetto generale del prodotto, la sua qualità, la conservazione e la presentazione nell'imballaggio.

Le pere non possono essere grumose.

ii) Categoria I

Le mele e le pere di questa categoria devono essere di buona qualità. Esse devono presentare le caratteristiche tipiche della varietà (2).

La polpa deve essere priva di qualsiasi deterioramento.

Alcuni frutti possono presentare i seguenti lievi difetti, che non possono tuttavia pregiudicare l'aspetto globale, la qualità, la conservazione e la presentazione del prodotto nell'imballaggio:

‑ un lieve difetto di forma,

‑ un lieve difetto di sviluppo,

‑ un lieve difetto di colorazione.

- lievi difetti della buccia non superiori a:

-          2 cm di lunghezza per i difetti di forma allungata,

-          1 cm2 di superficie totale per gli altri difetti, salvo per quelli derivanti dalla ticchiolatura (Venturia inaequalis), che non devono occupare una superficie superiore a 0,25 cm2

-          1 cm2 di superficie totale per le ammaccature lievi, che non devono essere decolorate.

Per le mele, il peduncolo può mancare, purchè la rottura sia netta e la buccia adiacente non risulti lesionata.

Per le pere, il peduncolo può essere leggermente danneggiato.

Le pere non possono essere grumose.

iii) Categoria II

Questa categoria comprende le mele e le pere che non possono essere classificate nelle categorie superiori, pur rispondendo alle caratteristiche minime sopra definite (2).

La polpa non deve presentare difetti di rilievo.

Sono ammessi i seguenti difetti, purchè i frutti conservino le loro caratteristiche essenziali di qualità, conservazione e presentazione:

‑ difetti di forma,

‑ difetti di sviluppo,

‑ difetti di colorazione.

- difetti della buccia non superiori a:

-          4 cm di lunghezza per i difetti di forma allungata,

-          2,5 cm2 di superficie totale per gli altri difetti, comprese le ammaccature lievemente decolorate, salvo per quelli derivanti dalla ticchiolatura (Venturia inaequalis), che non devono occupare una superficie superiore a 1 cm2 .

III. DISPOSIZIONI RELATIVE ALLA CALIBRAZIONE

Il calibro è determinato dal diametro massimo della sezione normale all'asse del frutto o dal peso.

In questo caso, tuttavia, il peso minimo fissato deve essere tale che tutti i frutti presentino, secondo i casi, il diametro minimo indicato nella tabella che segue.

Prodotti

Extra

I

II

Mele: Varietà frutto grosso(1):

70 mm

65 mm

65 mm

Mele: Altre varietà:

60 mm

55 mm

55 mm

Pere: Varietà frutto grosso(1):

60 mm

55 mm

55 mm

Pere: Altre varietà:

55 mm

50 mm

45 mm

1 L'elenco non esaustivo delle varietà a frutti grossi figura nell'appendice alla presente norma.

_______________________________________________________________

A titolo eccezionale, non sarà richiesto alcun calibro minimo per le spedizioni di pere estive di cui all'elenco dell'appendice alla presente norma, effettuate dal 10 giugno al 31 luglio di ogni anno.

Per garantire un calibro omogeneo in ciascun imballaggio, la differenza di diametro tra i frutti di uno stesso imballaggio è limitata a:

- 5 mm per i frutti della categoria Extra e i frutti delle categorie I e II presentati in strati ordinati ([3])

- 10 mm per i frutti della categoria I presentati alla rinfusa nell'imballaggio o in preimballaggi ([4]).

Per i frutti della categoria II presentati alla rinfusa nell'imballaggio o in preimballaggi non è prevista alcuna regola di omogeneità del calibro.

IV. DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE TOLLERANZE

Per i prodotti non conformi ai requisiti della categoria indicata sono ammesse tolleranze di qualità e di calibro per ogni imballaggio.

A. Tolleranze di qualità

i) Categoria "Extra"

Il 5% in numero o in peso di mele o pere non rispondenti alle caratteristiche della categoria, ma conformi a quelle della categoria I o eccezionalmente ammesse nelle tolleranze di questa categoria.

ii) Categoria I

Il 10% in numero o in peso di mele o pere non rispondenti alle caratteristiche della categoria, ma conformi a quelle della categoria II o eccezionalmente ammesse nelle tolleranze di questa categoria. Tuttavia, tale tolleranza non si applica alle pere prive di peduncolo.

iii) Categoria II

Il 10% in numero o in peso di mele o pere non rispondenti alle caratteristiche della categoria né alle caratteristiche minime, esclusi i frutti affetti da marciume, ammaccature pronunciate, o che presentino qualsiasi altra alterazione che li renda inadatti al consumo.

Nel quadro di questa tolleranza, può essere ammesso al massimo il 2% in numero o in peso di frutti che presentino i seguenti difetti:

‑ importante manifestazione di malattia legnosa o vetrosa,

‑ leggere lesioni o screpolature non cicatrizzate,

‑ leggerissime tracce di marciume,

- presenza di parassiti interni e/o alterazioni della polpa dovute a parassiti.

B. Tolleranze di calibro

Per tutte le categorie:

a)      per i frutti soggetti alle regole di omogeneità, il 10% in numero o in peso di frutti rispondenti al calibro immediatamente inferiore o superiore a quello indicato sull'imballaggio, con una variazione massima di 5 mm al di sotto del minimo per i frutti classificati nel più piccolo calibro ammesso;

b)      per i frutti non soggetti alle regole di omogeneità, il 10% in numero o in peso di frutti che non raggiungono il calibro minimo previsto, con una variazione massima di 5 mm al di sotto di questo calibro.

V. DISPOSIZIONI RELATIVE ALLA PRESENTAZIONE

A. Omogeneità

Il contenuto di ogni imballaggio deve essere omogeneo e comprendere soltanto mele e pere della stessa origine, varietà, qualità e calibro (se il prodotto è calibrato) e aventi un grado di maturazione uniforme.

Inoltre, per la categoria "Extra", è richiesta l'omogeneità di colorazione.

Per quanto riguarda i piccoli imballaggi, destinati alla vandita al consumatore, di mele di peso netto non superiore a 3 Kg, non è richiesta l'omogeneità della varietà. Nel caso della commercializzazione di diverse varietà di mele nello stesso imballaggio non è richiesta l'omogeneità di origine.

La parte visibile del contenuto dell'imballaggio deve essere rappresentativa dell'insieme.

In deroga alle precedenti disposizioni della presente parte, i prodotti disciplinati dal presente regolamento possono essere mescolati, in imballaggi di vendita aventi peso netto inferiore a 3 chilogrammi, con prodotti ortofrutticoli freschi di specie differenti, alle condizioni previste dal Reg. (CE) n. 48 della Commissione (GU L 7 del’11.1.2003, pag. 65).

B. Condizionamento

Le mele e le pere devono essere condizionate in modo che sia garantita una protezione adeguata del prodotto.

I materiali utilizzati all'interno dell'imballaggio devono essere nuovi, puliti e di sostanze che non possano provocare alterazioni esterne o interne del prodotto.

L'impiego di materiali, in particolare di carta o marchi recanti indicazioni commerciali, è autorizzato soltanto se la stampa o l'etichettatura sono realizzate con inchiostro o colla non tossici.

Gli imballaggi devono essere privi di qualsiasi corpo estraneo.­

C. Presentazione

I frutti della categoria "Extra" devono essere imballati in strati ordinati.

VI. DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE INDICAZIONI ESTERNE

Ogni imballaggio deve recare, in caratteri raggruppati su uno stesso lato, leggibili, indelebili e visibili dall'esterno, le indicazioni seguenti:

A. Identificazione

Imballatore e/o speditore: nome e indirizzo o simbolo di identificazione rilasciato o riconosciuto da un servizio ufficiale. Tuttavia, se viene utilizzato un codice (identificazione simbolica), accanto a tale codice deve essere indicata la dicitura "imballatore e/o speditore" (o un'abbreviazione equivalente).

B. Natura del prodotto

‑ "mele" o "pere", se il contenuto non è visibile dall'esterno,

‑ denominazione della o, se del caso, delle varietà.

C. Origine del prodotto

Paese d'origine ed eventualmente zona di produzione o denominazione nazionale, regionale o locale. Nel caso menzionato al punto V, A., terzo comma, ossia quando mele di varietà e di origini differenti sono presentate in un unico imballaggio destinato alla vendita al consumatore, il paese d’origine di ciascuna delle varietà interessate deve essere indicato.

D. Caratteristiche commerciali

‑ categoria,

‑ calibro oppure, per i frutti presentati in strati ordinati, numero dei pezzi.

Nel caso di identificazione per calibro, quest'ultimo deve essere espresso:

a) per i frutti soggetti alle regole di omogeneità, dai diametri minimo e massimo,

b) per i frutti non soggetti alle regole di omogeneità, dal diametro minimo del frutto più piccolo nell'imballaggio seguito dall'indicazione e più o e +, oppure, se del caso, dal diametro del frutto più grosso dell'imballaggio.

E. Marchio ufficiale di controllo (facoltativo).


APPENDICE

1.      CRITERI DI COLORAZIONE PER LE MELE

Secondo la colorazione, le varietà di mele possono essere classificate in quattro gruppi:

Gruppo A ‑ Varietà rosse

Categoria Extra: almeno - della superficie del frutto di colorazione rossa,

Categoria I: almeno - della superficie del frutto di colorazione rossa,

Categoria II: almeno - della superficie del frutto di colorazione rossa.

Gruppo B ‑ Varietà di colorazione rossa mista

Categoria Extra: almeno ½ della superficie del frutto di colorazione rossa,

Categoria I: almeno 1/3 della superficie del frutto di colorazione rossa,

Categoria II almeno 1/10 della superficie del frutto di colorazione rossa.

Gruppo C ‑ Varietà striate, leggermente colorate

Categoria Extra: almeno 1/3 della superficie dei frutto di colorazione tipica rossa striata,

Categoria I: almeno 1/10 della superficie del frutto di colorazione tipica rossa striata,

Gruppo D - Altre varietà.

2.      CRITERI DI RUGGINOSITA' RELATIVI ALLE MELE

Secondo la rugginosità, le varietà di mele possono essere classificate in due gruppi:

Gruppo R: varietà di mele per le quali la rugginosità è una caratteristica varietale della buccia e non costituisce un difetto se è conforme all’aspetto varietale tipico.

Per le varietà diverse da quelle del gruppo R, la rugginosità è ammessa entro i limiti seguenti:

 

Categoria Extra

Categoria I

Categoria II

Tolleranza della Categoria II

Macchie brunastre

- non eccedenti la cavità peduncolare - non rugose

- possono eccedere leggermente la cavità peduncolare o pistillare
- non rugose

- possono eccedere la cavità peduncolare o pistillare
- leggermente rugose

- frutti che non pregiudichino seriamente l'aspetto o lo stato del collo

reticolata fine (che non contrasti notevolmente con la colorazione generale del frutto

- leggere tracce di rugg. che non pregiudichino l'aspetto generale del frutto o del collo

- è ammesso un massimo di 1/5 della superficie del frutto

- è ammesso un massimo di 1/2 della superficie del frutto

- frutti che non pregiudichino seriamente l'aspetto o lo stato del collo

densa

- senza

- è ammesso un massimo di 1/20 della superficie del frutto

- è ammesso un massimo di 1/3 della superficie del frutto

- frutti che non pregiudichino seriamente l'aspetto o lo stato del collo

Cumulo rugg. fine e rugg. densa (eccettuate le macchie brunastre ammesse nelle condizioni di cui sopra)

- senza

- è ammesso un massimo di 1/5 della superficie del frutto

- è ammesso un massimo di 1/2 della superficie del frutto

- frutti che non pregiudichino seriamente l'aspetto o lo stato del collo


3.      CRITERI DI CALIBRO PER LE MELE E LE PERE

Secondo il calibro, le varietà di mele e pere possono essere classificate in tre gruppi:

Gruppo GF: varietà di mele e pere a frutto grosso di cui al secondo comma del titolo III della norma per le mele e le pere.

Gruppo PE: varietà di pere estive di cui al terzo comma del titolo III della norma per le mele e le pere

Altre varietà.


4.      ELENCO NON ESAUSTIVO DELLE VARIETÀ DI MELE CLASSIFICATE SECONDO I CRITERI DELLA COLORAZIONE, DELLA RUGGINOSITÀ E DEL CALIBRO

Varietà

Sinonimi e/o mutazioni

Gruppo di colorazione

Rugginosità

Calibro

Abbondanza

 

C

   

Akane

Prime Rouge, Prime Red, Tohoku 3, Tokyo Rose

B

   

Alice

 

B

   

Alkmene

 

C

   

Altländer

     

GF

Apollo

 

C

 

GF

Arlet

 

C

 

GF

Aroma

 

C

   

Aroma amorosa

 

B

   

Ashmead’s Kernel

   

R

 

Belfort

Pella

B

   

Bellavista

Vista bella

B

   

Belle de Boskoop e mutazioni

Schoener von Boskoop, Schone van Boskoop, Goudrenet

 

R

GF

Belle fleur double

     

GF

Berlepsh

 

C

   

Berlepsh rouge

Red Berlepsh, Roter Berlepsh

B

   

Bismarck

     

GF

Black Ben Davis

 

A

 

GF

Black Stayman

 

A

 

GF

Blenheim

     

GF

Boskoop rouge

Red Boskoop, Roter Boskoop, Schmitz-Hübsch, Rode Boskoop

B

R

GF

Braeburn

 

C

 

GF

Bramley's Seedling

Bramley, Triomphe de Kiel

   

GF

Brettacher

     

GF

Calville (gruppo di ...)

Groupe des Calvilles

   

GF

Cardinal

 

B

   

Carmio

 

A

   

Carola

Kalco

C

 

GF

Casanova de Alcobaça

 

C

   

Charden

     

GF

Charles Ross

     

GF

Chata Encarnada

 

C

   

Commercio

 

C

   

Cortland

 

B

 

GF

Cox Pomona

     

GF

Cox's orange pippin e mutazioni

cox orange

C

Cherry Cox: B

R

 

Crimson Bramley

     

GF

Cunha

Riscadinha

C

   

Delicious Ordinaire

Ordinary Delicious

B

   

Delicious Pilafa

 

B

 

GF

Democrat

 

A

 

GF

Discovery

 

B

   

Dunns Seedling

   

R

 

Egremont Russet

   

R

 

Varietà

Sinonimi e/o mutazioni

Gruppo di colorazione

Rugginosità

Calibro

Elan

     

GF

Ellison's orange

Ellison

C

 

GF

Elstar

 

C

   

Finkenwerder

     

GF

Fortuna Delicious

 

A

 

GF

Fortune

   

R

 

Fuji

 

C

 

GF

Gala

 

C

   

Garcia

     

GF

Gelber Edel

     

GF

Glorie von Holland

     

GF

Gloster 69

 

B

 

GF

Golden Delicious e mutazioni

     

GF

Golden Russet

   

R

 

Graham

Graham Royal Jubilé

   

GF

Granny Smith

     

GF

Gravenstein rouge

Red Gravenstein, Gravenstein rossa, Roter Gravensteiner

B

 

GF

Gravensteiner

Gravenstein

   

GF

Greensleeves

     

GF

Großherzog Friedrich von Baden

     

GF

Herma

     

GF

Honeygold

     

GF

Horneburger

     

GF

Howgate Wonder

     

GF

Idared

 

B

 

GF

Imperatore

Emperor Alexander

C

 

GF

Ingrid Marie

 

B

R

 

Jacob Fischer

Jakob Fischer

   

GF

Jacques Lebel

Jakob Lebel

   

GF

Jamba

 

C

 

GF

James Grieve e mutazioni

     

GF

James Grieve rouge

Red James Grieve, Roter James Grieve

B

 

GF

Jerseymac

 

B

   

Jester

     

GF

Jonagold (1) e mutazioni

 

C

 

GF

Jonagored

 

A

 

GF

Jonathan

 

B

   

Jupiter

     

GF

Karmijn de Sonnaville

 

C

R

GF

Katy

Katja

B

   

Kent

   

R

 

Kidd's Orange red

 

C

R

 

Kim

 

B

   

King David

 

A

   

Köningin

The Queen

   

GF

Varietà

Sinonimi e/o mutazioni

Gruppo di colorazione

Rugginosità

Calibro

Lane's Prince Albert

Lanes Prinz Albert

   

GF

Laxton's Superb

Laxtons Superb

C

R

 

Lemoen Apfel

Lemoenappel

   

GF

Lobo

 

B

   

Lord Lambourne

 

C

   

Maigold

 

C

 

GF

Mantet rouge

Red Mantet, Roter Mantet

C

   

Mc Intosh Red

 

B

   

Melodie

 

C

   

Melrose

 

C

 

GF

Mingan

Peromingan, Mingana

 

R

GF

Morgenduft

Rome Beauty

B

 

GF

Museh

     

GF

Mutsu

Crispin

   

GF

Normanda

 

C

 

GF

Notarapfel

Notaris, Notarisappel

   

GF

Nueva Europa

 

C

   

Nueva Orleans

 

B

 

GF

Odin

 

B

   

Oldenburg

 

C

   

Ontario

 

B

 

GF

Oregon

 

A

 

GF

Ortell

 

B

   

Ozargold

     

GF

Pater v. d. Elsen

     

GF

Paula Red

 

B

   

Pero de Cirio

     

GF

Piglos

 

B

 

GF

Pimona

 

C

   

Pinova

 

C

 

GF

Piros

 

C

 

GF

Pomme raisin

 

C

   

Rambour d'hiver

Winterrambour, Teuringer, Menznauer, Jäger

   

GF

Rambour Franc

 

B

   

Red Chief

 

A

 

GF

Red Delicious e mutazioni

 

A

 

GF

Red Dougherty

 

A

   

Red Rome

 

A

   

Red York

 

A

   

Reglindis

 

C

 

GF

Reine des Reinettes

Goldparmäne, King of the pippins

C

   

Reineta Encarnada

 

B

   

Reineta Roja del Canada

 

B

 

GF

Reinette blanche du Canada

Reinette du Canada, Canada blanc, Kanadarenette, Renetta del Canada

 

R

GF

Reinette de France

Renetta di Francia

   

GF

Reinette de Landsberg

Renetta di Landesberg, Landsberger, Landsberger Renette

   

GF

Reinette de Orlèans

Orleans Reinette, Renetta d’Orleans

   

GF

Varietà

Sinonimi e/o mutazioni

Gruppo di colorazione

Rugginosità

Calibro

Reinette étoilée

Sternrenette, Sterappel

A

   

Reinette grise

Graue Renette, Renetta grigia

 

R

GF

Reinette grise du Canada

Graue Kanadarenete

 

R

GF

Richared

 

A

 

GF

Roja de Benejama

Verruga, Roja del Valle, Clavelina

A

   

Rose de Berne

Berner Rosenapfel

A

   

Rose de Caldaro

Kalterer, Rose di Caldaro

C

   

Royal Gala

Tenroy

A

   

Royal Red

 

A

 

GF

Saure Gamerse

Gamerse Zure

   

GF

Septer

     

GF

Shampion

 

C

 

GF

Signe Tillisch

     

GF

Spartan

 

A

   

St. Edmunds Pippin

   

R

 

Stalapfel

 

B

   

Stark Delicious

 

A

   

Starking

 

A

 

GF

Starkrimson

 

A

 

GF

Stark's Earliest

 

C

   

Stayman Winesap

Stayman

B

 

GF

Staymared

Staymanred, Red Stayman

A

 

GF

Sturmer Pippin

   

R

 

Summerred

 

B

   

Sunset

   

R

 

Suntan

   

R

 

Top Red

 

A

 

GF

Toreno

   

R

 

Transparente de Croncels

Croncels

   

GF

Triomphe de Luxembourg,

     

GF

Tydeman's early Worcester

Tydeman's Early

B

 

GF

Wagener

 

B

   

Wealthy

 

B

   

Well Spur

 

A

 

GF

Winesap

Winter Winesap

A

   

Winston

 

C

   

Winter Banana,

     

GF

Worcester Pearmain

 

B

   

Yellow Newton

AlbemarlemPippin

 

R

 

York

 

B

   

Zabergäu

     

GF

Zigeunerin

     

GF

5.      ELENCO NON ESAUSTIVO DELLE VARIETÀ DI PERE CLASSIFICATE SECONDO IL CALIBRO

Varietà

Sinonimi e/o mutazioni

Calibro

Abbè Fàtel

Abbate Fetel, Abate Fetel

GF

Aburgo o Siete en Boca

 

PE

Alexandrine Douillard

 

GF

Andrè Desportes

 

PE

Azucar Verde

 

PE

Bergamotten

 

PE

Beurrè Alexandre Lucas

Lucas, Alexander Lucas

GF

Beurrè Clairgeau

Clairgeau, Clairgeaus Butterbirne

GF

Beurrè de Aremberg

Hardenpont

GF

Beurrè Diel

Diels Butterbirne

GF

Beurrè Giffard

Giffards Butterbirne

PE

Beurrè Gris

 

PE

Beurrè Lebrun

 

GF

Beurrè précoce Morettini

Butirra precoce Morettini

PE

Blanca de Aranjuez

Agua de Aranjuez, Espadona, Blanquilla

PE

Buntrocks

 

PE

Carapinheira

 

PE

Carusella

 

PE

Castell

Castell de Verano

PE

Catillac

Pondspaer, Ronde Gratio, Grand Monarque, Charteuse

GF

Claude Blanchet

 

PE

Colorée de Juillet

Bunte Juli

PE

Condoula

 

PE

Coscia

Ercolini

PE

Curé

Curato, Pastoren, Del cura de Ouro, Espadon de invierno, Bella de Berry, Lombardia de Rioja, Batall de Campana

GF

D. Joaquina

Doyenné de Juillet

PE

Devoe

 

GF

Don Guido

 

GF

Doyenné d'hiver

Winterdechant, Decana d'inverno

GF

Doyenné du comice

Comice, Vereinsdechant, Decana del Comizio

GF

Duchesse d'Angoulême,

 

GF

Empereur Alexandre

Beurrè Bosc, Bosc, Beurré d'Apremont, Kaiser Alexander, Imperatore Alessandro, Kaiserkrone, Alexanderbirne

GF

Flor de invierno

 

GF

General Leclerc

 

GF

Gentile

 

PE

Gentile Bianca di Firenze

 

PE

Gentilona

 

PE

Giardina

 

PE

Gramshirtle

 

PE

Grand champion

 

GF

Hartleffs

 

PE

Jeanne d'Arc

 

GF

Varietà

Sinonimi e/o mutazioni

Calibro

Leonardeta

Mosqueruela, Margallon, Colorada de Alcanadre, Leonarda de Magallon

PE

Marguerite Marillat

Margarete Marillat

GF

Moscatella,

 

PE

Oomskinderen,

 

PE

Packham's Triumph

Williams d'Automne

GF

Passe Crassane

Passa Crassana, Edelcrassane

GF

Perita de San Juan

 

PE

Pèrola

 

PE

Precoce de Altedo

Precoce di Altedo

PE

Prècoce de Trèvoux

Trèvoux, Precoce di Trèvoux, Frühe von Trèvoux

PE

Prèsident Drouart

Präasident Drouart

GF

Santa Maria

Santa Maria Morettini

PE

Souvenir du Congrés

Kongreb, Congress

GF

Spadoncina

Agua de Verano, Agua de Agosto

PE

Triomphe de Vienne

Trionfo di Vienna, Triumph von Vienne

GF

Wilder

 

PE

Williams Duchesse

Pitmaston

GF

Witthoftsbirne

 

PE



[1] A motivo delle caratteristiche varietali della varietà Fuji per quanto riguarda la maturazione alla raccolta, è ammessa la vitrescenza radiale purchè sia limitata alla fascia fibrovascolare del frutto.

[2] I criteri di colorazione e di rugginosità per le mele, nonchè un elenco non esaustivo delle varietà per cui valgono tali criteri, figurano in appendice alla presente norma.

[3] Tuttavia, per le mele delle varietà Bramley's Seedling (Bramley, Triomphe de Kiel) e Horneburger, la differenza di diametro può raggiungere 10 mm

[4] Tuttavia, per le mele delle varietà Bramley's Seedling (Bramley, Triomphe de Kiel) e Horneburger, la differenza di diametro può raggiungere 20 mm

1 Tuttavia, per la varietà Jonagold i frutti classificati nella categoria II devono avere almeno un decimo della superficie di colorazione rossa striata.