ASPARAGI

REGOLAMENTO (CE) N. 2377/99

DELLA COMMISSIONE

del 9 novembre 1999

che fissa la norma di commercializzazione per gli asparagi

G.U. CE N - L 287 del 10/11/99 (pag.6)

Modificato dal Reg. (CE) 46/2003 del 10 gennaio 2003 - G.U. 7 del 11/01/03 (pag. 61)

Norma di qualità per asparagi

I. DEFINIZIONE DEL PRODOTTO

La presente norma si applica ai turioni delle varietà (cultivar) dell'Asparagus officinalis L., destinati ad essere forniti allo stato fresco al consumatore, ad esclusione degli asparagi destinati alla trasformazione industriale.

I turioni degli asparagi sono classificati in quattro gruppi secondo la loro colorazione:

1. asparagi bianchi,

2. asparagi violetti, con l'apice tra il rosato e il violetto/porpora ed una parte del turione bianca,

3. asparagi violetti/verdi, di cui una parte presenta una colorazione violetto e verde,

4. asparagi verdi, con l'apice e la maggior parte del turione che devono presentare colorazione

verde.

La presente norma non si applica agli asparagi verdi o violetto/verdi aventi diametro inferiore a 3 mm e ad asparagi bianchi e violetti aventi un diametro inferiore a 8 mm, confezionati in mazzi uniformi o in imballaggi unitari.

II. DISPOSIZIONI RELATIVE ALLA QUALITA'

La norma ha lo scopo di definire le caratteristiche qualitative che gli asparagi devono presentare dopo condizionamento e imballaggio.

A. Caratteristiche minime

In tutte le categorie, tenuto conto delle disposizioni specifiche previste per ogni categoria e delle tolleranze ammesse, i turioni devono essere:

‑ interi,

‑ sani; sono esclusi i prodotti affetti da marciume o che presentano alterazioni tali da renderli inadatti al consumo,

‑ privi di danni provocati da un lavaggio inadeguato (i turioni possono essere lavati ma non lasciati a bagno nell'acqua),

‑ puliti, praticamente privi di sostanze esterne visibili,

‑ di aspetto e di colore freschi,

‑ praticamente privi di parassiti,

‑ privi di danni provocati da parassiti,

‑ praticamente privi di ammaccature,

‑ privi di umidità esterna anormale, cioè sufficientemente "asciugati" dopo l'eventuale lavaggio o refrigerazione con acqua fredda,

‑ privi di odore e/o sapore estranei.

Il taglio deve essere il più possibile netto.

Inoltre, i turioni non devono essere vuoti, spaccati, pelati o spezzati. Sono tollerati lievi spacchi, sopraggiunti dopo la raccolta, purchèè non superino i limiti previsti nel capitolo IV, A. "Tolleranza di qualità".

Gli asparagi devono essere in uno stato tale da consentire:

‑ il trasporto e le operazioni connesse,

‑ l'arrivo al luogo di destinazione in condizioni soddisfacenti.

B. Classificazione

Gli asparagi sono classificati nelle tre categorie seguenti:

i) Categoria "Extra"

I turioni classificati in questa categoria devono essere di qualità superiore, estremamente ben formati e praticamente diritti. Tenuto conto delle caratteristiche normali del gruppo al quale appartengono, il loro apice terminale deve essere molto serrato.

Sono ammesse solo alcune lievissime tracce di ruggine sul turione, purchè possano essere eliminate con la pelatura normale da parte del consumatore.

Nel gruppo degli "asparagi bianchi", le punte e i turioni devono essere bianchi; è tollerata soltanto una lieve colorazione rosa sui turioni.

Gli asparagi verdi debbono essere completamente verdi.

Sui turioni degli asparagi di questa categoria non è autorizzato alcun inizio di lignificazione.

Il taglio alla base del turione deve essere il più perpendicolare possibile all'asse longitudinale. Tuttavia, per migliorare la presentazione quando gli asparagi sono confezionati in mazzi, quelli che si trovano all'esterno del mazzo possono essere leggermente tagliati in obliquo e l'altezza del taglio non deve superare 1 cm.

ii) Categoria I

I turioni classificati in questa categoria devono essere di buona qualità e ben formati. Possono essere lievemente incurvati.

Tenuto conto delle caratteristiche normali del gruppo al quale appartengono, il loro apice terminale deve essere serrato.

Sono ammesse lievi tracce di ruggine, purchè possano essere eliminate con pelatura normale da parte del consumatore.

Nel gruppo degli "asparagi bianchi" gli apici ed i turioni possono presentare una leggera colorazione rosa.

Gli asparagi verdi debbono presentare una colorazione verde su almeno l'80% della lunghezza.

Nel gruppo degli "asparagi bianchi" sono esclusi i turioni legnosi. Per gli altri gruppi i turioni possono presentare, nella parte inferiore, un inizio di lignificazione, purchè questa possa essere eliminata con la normale pelatura da parte del consumatore. Il taglio alla base del turione deve essere il più perpendicolare possibile all'asse longitudinale.

iii) Categoria II

Questa categoria comprende i turioni che non possono essere classificati nelle categorie superiori ma che soddisfano alle caratteristiche minime sopra definite.

Rispetto alla categoria I, i turioni possono avere forma meno regolare, possono essere più curvi e, tenuto conto delle caratteristiche normali del gruppo al quale appartengono, il loro apice terminale può essere leggermente aperto.

Sono ammesse tracce di ruggine, purchè possano essere eliminate con pelatura normale da parte del consumatore.

L'apice degli "asparagi bianchi" può presentare una colorazione, compresa quella verde.

L'apice degli asparagi violetti può presentare una colorazione leggermente verde.

Gli asparagi verdi devono presentare una colorazione verde su almeno il 60% della lunghezza.

I turioni possono essere leggermente legnosi. Il taglio alla base dei turioni può essere leggermente obliquo rispetto all'asse longitudinale.

III. DISPOSIZIONI RELATIVE ALLA CALIBRAZIONE

Il calibro è determinato secondo la lunghezza e il diametro del turione.

A. Calibrazione secondo la lunghezza

La lunghezza dei turioni deve essere:

‑ superiore a 17 cm per gli asparagi lunghi,

‑ compresa tra 12 e 17 cm per gli asparagi corti,

‑ compresa tra 12 e 22 cm per gli asparagi della categoria II, disposti nell'imballaggio a strati ma

non in mazzi,

‑ inferiore a 12 cm per le punte di asparagi.

I turioni degli asparagi bianchi e violetti possono avere una lunghezza massima di 22 cm, quelli degli asparagi violetti/verdi di 27 cm.

La differenza massima di lunghezza tra i turioni presentati in mazzi saldamente legati non deve superare 5 cm.

B. Calibrazione secondo il diametro

Il diametro dei turioni è quello della sezione presa a metà della lunghezza.

Il diametro minimo e il calibro sono fissati nel modo seguente:

Categoria di qualità

Gruppo di colorazione

Diametro minimo

Calibro

Extra

Bianchi e violetti

12 mm

Differenza massima di 8 mm tra il turione più grosso e il turione meno grosso all'interno di uno stesso imballaggio o mazzo

Extra

Violetti/verdi e verdi

3 mm

Differenza massima di 8 mm tra il turione più grosso e il turione meno grosso all'interno di uno stesso imballaggio o mazzo

I

Bianchi e violetti

10 mm

Differenza massima di 10 mm tra il turione più grosso e il turione meno grosso all'interno di uno stesso imballaggio o mazzo

I

Violetti/verdi e verdi

3 mm

Differenza massima di 8 mm tra il turione più grosso e il turione meno grosso all’interno di uno stesso imballaggio o mazzo

II

Bianchi e violetti

8 mm

Non è prescritta alcuna omogeneità

II

Violetti/verdi e verdi

3 mm

Non è prescritta alcuna omogeneità

IV DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE TOLLERANZE

Per gli asparagi non rispondenti ai requisiti della categoria indicata su ciascun imballaggio sono ammesse le seguenti tolleranze di qualità e di calibro.

A. Tolleranze di qualità

i) Categoria "Extra"

Il 5% in numero o in peso di turioni non rispondenti alle caratteristiche della categoria ma conformi a quelle della categoria I o eccezionalmente ammessi nelle tolleranze di questa categoria, o che presentano lievi spacchi non cicatrizzati sopraggiunti dopo la raccolta.

ii) Categoria I

Il 10% in numero o in peso di turioni non rispondenti alle caratteristiche della categoria ma conformi a quelle della categoria II o eccezionalmente ammessi nelle tolleranze di questa categoria, o che presentano lievi spacchi non cicatrizzati sopraggiunti dopo la raccolta.

iii) Categoria II

Il 10 % in numero o in peso di turioni non rispondenti alle caratteristiche della categoria, né alle caratteristiche minime, esclusi tuttavia gli asparagi affetti da marciume o che presentano qualsiasi altra alterazione che li renda inadatti al consumo.

Sono ammessi, inoltre, entro un limite massimo del 10% in numero o in peso, turioni cavi o che presentino lievissimi spacchi dovuti al lavaggio.

In nessun caso i turioni cavi possono eccedere il 15% in numero o in peso di ogni imballaggio o di ogni mazzo.

B. Tolleranza di calibro

Per tutte le categorie: il 10% in numero o in peso di turioni non conformi al calibro indicato e che si scostano dai limiti fissati, con uno scarto massimo di 1 cm per la lunghezza e di 2 mm per il diametro.

V. DISPOSIZIONI RELATIVE ALLA PRESENTAZIONE

A. Omogeneità

Il contenuto di ogni imballaggio o di ogni mazzo in uno stesso imballaggio deve essere omogeneo e comprendere esclusivamente asparagi della stessa origine, qualità, gruppo di colorazione e calibro (quando sia imposta una calibratura).

Tuttavia, per quanto riguarda la colorazione, possono essere ammessi turioni di un gruppo di colorazione diverso entro i seguenti limiti:

‑ asparagi bianchi: 10% in numero o in peso di asparagi violetti nella categoria "Extra" e 1 e 15%

nella categoria II;

‑ asparagi violetti, verdi e violetto/verdi: 10% in numero o in peso di colorazione diversa.

La parte visibile del contenuto dell'imballaggio o del mazzo deve essere rappresentativa dell'insieme.

In deroga alle precedenti disposizioni della presente parte, i prodotti disciplinati dal presente regolamento possono essere mescolati, in imballaggi di vendita aventi peso netto inferiore a 3 chilogrammi, con prodotti ortofrutticoli freschi di specie differenti, alle condizioni previste dal Reg. (CE) n. 48 della Commissione (GU L 7 dell'11.1.2003, pag. 65).

B. Presentazione

Gli asparagi possono essere presentati:

i) in mazzi (saldamente legati)

I turioni che si trovano all'esterno di ciascun mazzo devono corrispondere, per aspetto e diametro, alla media di quelli che lo costituiscono.

Per la categoria Extra, i turioni presentati in mazzi devono essere della stessa lunghezza.

I mazzi devono essere disposti regolarmente nell'imballaggio; ogni mazzo può esser protetto da carta.

In uno stesso imballaggio, i mazzi devono essere dello stesso peso e della stessa lunghezza.

ii) in imballaggi unitari o disposti a strati ma non in mazzi.

C. Condizionamento

Gli asparagi devono essere condizionati in modo che sia garantita una protezione adeguata del prodotto.

I materiali utilizzati all'interno dell'imballaggio devono essere nuovi, puliti e di qualità tale da non poter provocare alterazioni esterne o interne dei prodotti. L'impiego di materiali e in particolare di carte o marchi recanti indicazioni commerciali è autorizzato soltanto se la stampa o l'etichettatura sono realizzate con inchiostro o colla non tossici.

Gli imballaggi devono essere privi di qualsiasi corpo estraneo.

VI. DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE INDICAZIONI ESTERNE

Ogni imballaggio deve recare, in caratteri raggruppati su uno stesso lato, leggibili e visibili dall'esterno, le indicazioni seguenti:

A. Identificazione

Imballatore e/o speditore: nome e indirizzo o simbolo di identificazione rilasciato o riconosciuto da un servizio ufficiale. Tuttavia, qualora si utilizzi un codice (simbolo di identificazione), la dicitura "imballatore e/o speditore" (o un'abbreviazione equivalente) deve figurare in prossimità di tale codice (simbolo di identificazione).

B. Natura del prodotto

"Asparagi", seguito dall'indicazione "bianchi", verdi", "violetti" o "violetti/verdi" se il contenuto non è visibile dall'esterno, ed eventualmente la dicitura "corti" o "punte" o "mescolanza di bianchi o violetti".

C. Origine del prodotto

Paese d'origine ed eventualmente zona di produzione o denomi­nazione nazionale, regionale o locale.

D. Caratteristiche commerciali

‑ categoria

‑ calibro indicato:

a) per gli asparagi soggetti alle regole di omogeneità, dai diametri minimo e massimo;

b) per gli asparagi non soggetti alle regole di omogeneità, dal diametro minimo, seguito dal

diametro massimo o dall'espressione "e più".

‑ numero di mazzi o di imballaggi unitari per il condizionamento sotto questa forma.

E. Marchio ufficiale di controllo (facoltativo).