AGRUMI

(arance dolci di cui al codice NC ex 080510, mandarini (compresi i tangerini e i satsuma), clementine, wilkings e simili ibridi di agrumi di cui al codice 080520, limoni (Citrus limon, Citrus limonum), di cui al codice 08055010)

REGOLAMENTO (CE) N. 1799/01

DELLA COMMISSIONE

del 12 settembre 2001

che stabilisce la norma di commercializzazione applicabile agli agrumi

G.U. CE N - L 244 del 14.9.01 (pag. 12)

Modificato dal Reg. (CE) 453/2002 del 13 marzo 2002 - G.U. 72 del 14/03/02 (pag. 9)

Modificato dal Reg. (CE) 2010/2002 del 12 novembre 2002 - G.U. 310 del 13/11/02 (pag. 3)

Modificato dal Reg. (CE) 46/2003 del 10 gennaio 2003 - G.U. 7 del 11/01/03 (pag. 61)

Norma di qualità per agrumi

I. DEFINIZIONE DEI PRODOTTI

La presente norma si applica ai seguenti frutti classificati sotto la denominazione "agrumi", destinati ad essere forniti allo stato fresco al consumatore, esclusi quelli destinati alla trasformazione industriale:

- limoni delle varietà (cultivar) derivate dalla specie Citrus limon (L.) Burm.f.,

- mandarini delle varietà (cultivar) derivate dalla specie Citrus reticulata Blanco, compresi i satsuma (Citrus unshiu Marcow.), le clementine (Citrus clementina Hort. ex Tan.), i mandarini comuni (Citrus deliciosa Ten.) e i tangerini (Citrus tangerina Hort.ex Tan.) derivati da queste specie e dai loro ibridi, in appresso denominati «mandarini »,

- arance delle varietà (cultivar) derivate dalla specie Citrus sinensis (L.) Osb.

II. CARATTERISTICHE QUALITATIVE

La norma ha lo scopo di definire le caratteristiche qualitative che gli agrumi devono presentare dopo condizionamento e imballaggio.

A. Caratteristiche minime

In tutte le categorie, tenuto conto delle disposizioni specifiche previste per ogni categoria e delle tolleranze ammesse, gli agrumi devono essere:

- interi,

- privi di ammaccature e/o lesioni cicatrizzate estese,

- sani; sono esclusi i prodotti affetti da marciume o che presentino alterazioni tali da renderli inadatti al consumo,

- puliti, praticamente privi di sostanze estranee visibili,

- praticamente esenti da parassiti,

- praticamente esenti da attacchi parassitari,

- esenti dall'inizio di «asciutto» all'interno,

- esenti da danni dovuti alle basse temperature o al gelo,

- privi di umidità esterna anormale,

- privi di odore odore e/o sapore estranei.

Gli agrumi devono essere stati raccolti con cura e aver raggiunto un adeguato grado di sviluppo e di maturazione rispondente alle caratteristiche della varietà, dell'epoca di raccolta e della zona di produzione.

Lo sviluppo e il grado di maturazione degli agrumi devono essere tali da consentire:

- il trasporto e le operazioni connesse,

- l'arrivo al luogo di destinazione in condizioni soddisfacenti.

Gli agrumi rispondenti al criterio di maturazione sopra definito potranno essere deverdizzati . Tale trattamento è consentito soltanto a condizione che non vengano modificate le altre caratteristiche organolettiche naturali. Il trattamento considerato dovrà essere effettuato secondo le modalità stabilite dalle autorità competenti di ciascuno Stato membro sotto il loro controllo.

B. Requisiti di maturazione

La maturità degli agrumi è definita dai parametri seguenti, indicati per ciascuna specie sotto menzionata:

1) contenuto minimo di succo;

2) colorazione.

Il grado di colorazione deve essere tale che, al termine del normale processo di sviluppo, gli agrumi raggiungano al punto di destinazione il colore tipico della varietà.

i) LIMONI

- Contenuto minimo di succo:

§ limoni verdelli e primofiore 20%

§ altri limoni 25%

- Colorazione: la colorazione deve essere quella tipica della varietàà. Tuttavia, i frutti che presentano una colorazione verde (purchè non scura) sono ammessi a condizione che soddisfino i requisiti in materia di contenuto minimo di succo.

ii) MANDARINI

- Contenuto minimo di succo:

- mandarini, ad eccezione delle clementine 33%

- clementine 40%

- Colorazione: la colorazione deve essere quella tipica della varietàsu almeno un terzo della superficie del frutto.

iii) ARANCE

- Contenuto minimo di succo:

- Tarocco e altre sanguigne 30%

- Gruppo delle navel 33%

- Altri 35%

- Colorazione: la colorazione deve essere quella tipica della varietàà. Tuttavia, i frutti che presentano una colorazione verde chiara sono ammessi a condizione che essa non superi un quinto della superficie del frutto.

C. Classificazione

Gli agrumi sono classificati nelle tre categorie seguenti:

i) Categoria "Extra"

Gli agrumi di questa categoria devono essere di qualità superiore. La loro forma, l'aspetto esteriore, lo sviluppo e la colorazione devono presentare le caratteristiche della varietà e/o del tipo commerciale.

Essi non devono presentare difetti, ad eccezione di lievissime alterazioni superficiali, che non devono tuttavia pregiudicare l'aspetto globale, la qualità, la conservazione e la presentazione nell'imballaggio del prodotto.

ii) Categoria I

Gli agrumi di questa categoria devono essere di buona qualità e presentare le caratteristiche della varietà e/o del tipo commerciale.

Essi possono presentare i seguenti lievi difetti, che non possono tuttavia pregiudicare l'aspetto globale, la qualità, la conservazione e la presentazione nell'imballaggio del prodotto:

- lievi difetti di forma,

- lievi difetti di colorazione,

- lievi difetti dell'epidermide congeniti alla formazione del frutto, ad esempio rameggiatura argentata, rugginosità, ecc.,

- lievi difetti cicatrizzati dovuti a cause meccaniche, ad esempio grandine, sfregamento, urti durante la manipolazione, ecc.

iii) Categoria II

Questa categoria comprende gli agrumi che non possono essere classificati nelle categorie superiori, ma che corrispondono alle caratteristiche minime sopra definite.

Essi possono presentare i seguenti difetti, purché non pregiudichino le caratteristiche essenziali di qualità, conservazione e presentazione del prodotto:

- difetti di forma,

- difetti di colorazione,

- rugosità della scorza,

- difetti dell'epidermide congeniti alla formazione del frutto, ad esempio rameggiatura argentata, rugginosità, ecc.,

- difetti cicatrizzati dovuti a cause meccaniche, ad esempio grandine, sfregamento, urti durante la manipolazione, ecc.,

- alterazioni superficiali e cicatrizzate dell'epidermide,

- lieve e parziale distacco del pericarpo per le arance (il distacco essendo normale per i mandarini).

III. DISPOSIZIONI RELATIVE ALLA CALIBRAZIONE

La calibrazione è determinata dal diametro massimo della sezione normale all'asse del frutto.

A. Calibro minimo

Sono esclusi i frutti di diametro inferiore ai seguenti minimi:

‑ limoni: 45 mm

‑ mandarini ad eccezione delle clementine: 45 mm

- clementine e monreal: 35 mm.

‑ arance: 53 mm

B. Scale di calibrazione

Sono stabilite le seguenti scale di calibrazione:

 

ARANCE

 

LIMONI

 

Mandarini

calibro

Scala dei diametri in mm

calibro

Scala dei diametri in mm

calibro

Scala dei diametri in mm

0

92 - 110

0

79 - 90

1 - XXX

78 e oltre

1

87 - 100

1

72 - 83

1 - XX

67 - 78

2

84 - 96

2

68 - 78

1 o 1 - X

63 - 74

3

81 - 92

3

63 - 72

2

58 - 69

4

77 - 88

4

58 - 67

3

54 - 64

5

73 - 84

5

53 - 62

4

50 - 60

6

70 - 80

6

48 - 57

5

46 - 56

7

67 - 76

7

45 - 52

6 (¹)

43 - 52

8

64 - 73

   

7

41 - 48

9

62 - 70

   

8

39 - 46

10

60 - 68

   

9

37 - 44

11

58 - 66

   

10

35 - 42

12

56 - 63

       

13

53 - 60

       

(¹) I diametri inferiori a 45 mm si applicano esclusivamente alle clementine

Gli agrumi possono essere calibrati secondo il numero di frutti. In tal caso, fatte salve le regole di omogeneità di calibro previste alla sezione III, lettera C, i frutti di uno stesso imballaggio possono situarsi a cavallo di due calibri adiacenti.

C. Omogeneità

L'omogeneità di calibrazione corrisponde alle scale di calibro sopra definite, salvo che nei casi seguenti.

i) Per i frutti presentati in strati ordinati, in pacchi o confezioni unitarie destinati alla vendita al consumatore, la differenza tra il frutto più piccolo e quello più grosso, in uno stesso imballaggio, non deve essere superiore ai seguenti valori massimi, all'interno di uno stesso codice di calibro oppure, nel caso di agrumi calibrati secondo il numero di frutti, all'interno di due calibri consecutivi:

 

Codice calibro

Scarto massimo tra i frutti di uno stesso imballaggio

(mm)

Limoni

0 - 7

7

Mandarini

1 - 4

5 - 6

7 - 10

9

8

7

Arance

0 - 2

3 - 6

7 - 13

11

9

7

ii) Per i frutti non presentati in strati ordinati, in pacchi o confezioni unitarie rigide destinati alla vendita al consumatore, la differenza tra il frutto più piccolo e quello più grosso in uno stesso imballaggio non deve essere superiore all’ampiezza del calibro appropriato della scala di calibro oppure, nel caso di agrumi calibrati secondo il numero dei frutti, allo scarto, in millimetri, da uno dei due codici consecutivi in questione;

iii) Per i frutti presentati alla rinfusa in casse di grande volume e per i frutti presentati in confezioni unitarie non rigide (reti, sacchetti, ) destinati alla vendita al consumatore, la differenza tra il frutto più piccolo e quello più grosso in uno stesso imballaggio non deve essere superiore all’ampiezza risultante dal raggruppamento di tre calibri consecutivi della scala di calibro.

IV. DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE TOLLERANZE

Per i prodotti non rispondenti alle caratteristiche della categoria indicata sono ammesse tolleranze di qualità e di calibro in ogni imballaggio.

A. Tolleranze di qualità

i) Categoria "Extra"

Il 5% in numero o in peso di agrumi non rispondenti alle caratteristiche della categoria, ma conformi a quelle della categoria I o eccezionalmente ammessi nelle tolleranze di questa categoria.

ii) Categoria I

Il 10% in numero o in peso di agrumi non rispondenti alle caratteristiche della categoria, ma conformi a quelle della categoria II o eccezionalmente ammessi nelle tolleranze di questa categoria.

iii) Categoria II

Il 10% in numero o in peso di agrumi non rispondenti alle caratteristiche della categoria nè alle caratteristiche minime, esclusa qualsiasi traccia di marciume, ammaccature pronunciate o qualsiasi altra alterazione che li renda inadatti al consumo. Nell’ambito di questa tolleranza può essere ammesso un massimo del 5% di frutti con lievi lesioni superficiali non cicatrizzate o tagli secchi, o di frutti molli o avvizziti.

B. Tolleranze di calibro

Per tutte le categorie e qualunque modo di presentazione è ammesso: il 10% in numero o in peso di agrumi rispondenti al calibro immediatamente inferiore o superiore a quello (o a quelli, in caso di raggruppamento di tre calibri) menzionato (menzionati) sull'imballaggio.

In tutti i casi, la tolleranza del 10% riguarda unicamente i frutti di calibro non inferiore ai minimi seguenti:

‑ limoni: 43 mm

‑ mandarini: 43 mm

‑ clementine: 34 mm

‑ arance: 50 mm

V. DISPOSIZIONI RELATIVE ALLA PRESENTAZIONE

A. Omogeneità

Ogni imballaggio deve contenere soltanto agrumi della stessa origine e varietà o dello stesso tipo commerciale, della stessa qualità e dello stesso calibro e apprezzabilmente dello stesso grado di sviluppo e di maturazione.

Per la categoria «Extra» è inoltre richiesta l'omogeneità di colorazione.

La parte visibile del contenuto dell'imballaggio deve essere rappresentativa dell'insieme.

In deroga alle precedenti disposizioni della presente parte, i prodotti disciplinati dal presente regolamento possono essere mescolati, in imballaggi di vendita aventi peso netto inferiore a 3 chilogrammi, con prodotti ortofrutticoli freschi di specie differenti, alle condizioni previste dal Reg. (CE) n. 48 della Commissione (GU L 7 del 11.1.2003, pag. 65).

B. Condizionamento

Gli agrumi devono essere condizionati in modo che sia garantita una protezione adeguata del prodotto.

I materiali e la carta utilizzati all'interno dell'imballaggio devono essere nuovi, puliti e di sostanze che non possano provocare alterazioni esterne o interne dei prodotti. L'impiego di materiali e in particolare di carte o marchi recanti indicazioni commerciali è autorizzato soltanto se la stampa o d'etichettatura sono realizzate con inchiostro o colla non tossici.

Quando i frutti sono incartati, può essere fatto uso esclusivamente di carta sottile, asciutta, nuova e inodore ([1]).

È vietato l'impiego di qualsiasi sostanza atta a modificare le caratteristiche naturali degli agrumi, in particolare il loro odore o sapore (¹)

Gli imballaggi devono essere privi di qualsiasi corpo estraneo.È tuttavia ammessa la presentazione che comporti, aderente al frutto, un corto ramoscello non legnoso munito di qualche foglia verde.

C. Presentazione

Gli agrumi possono essere presentati:

a) disposti in strati regolari nell'imballaggio.

b) in forma diversa dalla disposizione in strati regolari nell'imballaggio, o alla rinfusa in contenitori palettizzabili (pallox); questo modo di presentazione è ammesso soltanto per le categorie I e II.

c) in imballaggi unitari destinati alla vendita diretta al consumatore, di peso inferiore a 5 kg, confezionati:

- secondo il numero dei frutti, o

- secondo il peso netto degli imballaggi.

VI. DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE INDICAZIONI ESTERNE

Ciascun imballaggio deve recare, in caratteri raggruppati su uno stesso lato, indelebili e visibili dall'esterno, le indicazioni seguenti:

A. Identificazione

Imballatore e/o speditore: nome e indirizzo o simbolo di identificazione rilasciato o riconosciuto da un servizio ufficiale. Tuttavia, qualora si utilizzi un codice (simbolo di identificazione), la dicitura "imballatore e/o speditore" (o un'abbreviazione equivalente) deve figurare in prossimità di tale codice (simbolo di identificazione).

B. Natura del prodotto

          - Designazione della specie, se il prodotto non è visibile dall'esterno, salvo per quanto riguarda i mandarini, per i quali questa designazione o il nome della varietàsono obbligatori,

          - denominazione della varietàà per le arance,

          - designazione del tipo:

         - per i limoni: secondo il caso, le menzioni Verdelli e Primofiore,

         - per le clementine: secondo il caso, Clementine senza semi, clementine (da 1 a 10 semi) o Clementine con semi» (più di 10 semi).

C. Origine del prodotto

- Paese d'origine ed eventualmente zona di produzione o denominazione nazionale, regionale o locale.

D. Caratteristiche commerciali

- Categoria.

- Calibro, per i frutti presentati conformemente alla scala di calibro, o limiti inferiore e superiore del codice di calibro nel caso di raggruppamenti di tre calibri consecutivi,

- Calibro (oppure, se I frutti sono stati calibrati secondo il numero di frutti e si situano a cavallo di due calibri, calbri o diametri minimo e massimo) e numero di frutti, nel caso di disposizione in strati ordinati,

- se fatti uso, indicazione degli agenti conservanti o delle altre sostanze chimiche utilizzati in trattamenti post-raccolta.

E. Marchio ufficiale di controllo (facoltativo)



([1]) L'impiego di agenti conservanti o di qualunque altra sostanza chimica che possa conferire all'epidermide del frutto un odore estraneo è autorizzato nella misura in cui sia conforme alle disposizioni comunitarie in materia.